Glossario

Neurone

Il neurone è un termine proposto (1891) da W. Waldeyer-Hartz per indicare complessivamente la cellula nervosa e i suoi prolungamenti. Possiamo definirlo come le cellule fondamentali per la funzione del tessuto nervoso, specializzate nella comunicazione intra- e intercellulare mediante segnali elettrici lungo i loro prolungamenti dendritici e assonali e segnali chimici attraverso le sinapsi. La morfologia dei neuroni no è univoca ma essi assumono diverse forme a secondo della loro specializzazione funzionale. La morfologia della arborizzazione dendritica e la precisa localizzazione delle sinapsi afferenti sull’albero dendritico hanno profonde implicazioni funzionali per l’innesco o meno dei potenziali d’azione a livello assonale.

Funzione 

 

Il neurone è l'elemento di elaborazione e trasmissione dell'informazione del sistema nervoso centrale e periferico. 

 

Struttura

I neuroni si presentano in numerose forme a seconda dei compiti specializzati da loro svolti, ma indipendentemente dalla forma in essi riusciamo ad individuare le seguenti 4 strutture:
- Soma  (corpo cellulare), che contiene il nucleo e gli organelli necessari per i processi vitali della cellula. 
- Dendriti, struttura ramificata attaccata al soma di un neurone che riceve informazioni dai bottoni terminali di altri neuroni attraverso le sinapsi. La comunicazione a livello della sinapsi procede           tendenzialmente verso una sola direzione (dal bottone terminale alla membrana).
- Assone, lunga e sottile struttura cilindrica spesso ricoperta da guaina mielinica che trasporta l'informazione dal corpo cellulare ai bottoni terminali.
- Bottoni terminali, piccoli rigonfiamenti che svolgono la funzione di secernere il neurotrasmettitore.
 

 

Forma e funzione

Sotto un profilo prettamente morfologico è possibile classificare i neuroni in base al numero e modalità di ramificazione dei prolungamenti:
 
Neuroni unipolari esso possiede un solo prolungamento, che parte dal soma e si suddivide in due ramificazioni a poca distanza dal corpo cellulare. Essi trasmettono l'informazione sensoriali dall'ambiente al SNC, le arboizzazioni che si trovano al di fuori del SNC  svolgono la funzione de  dendriti, quelle che invece si propagano all'interno possiedono bottoni terminli alle loro estremità.
Neuroni bipolari:danno origine da un solo assone e ad un solo albero dendritico situati ai lati opposti del corpo cellulare. Sono generalmente neuroni sensoriali rilevando le informazioni sensoriali dall'esterno e inviandole al SNC.
Neuroni multipolari: se presentano un assone e molteplici dendriti, questi ultimi di solito presentano aspetto arborescente. A questa classe appartengono anche i neuroni di tipo I e II del Golgi.
Neuroni pseudounipolari: se sembrano presentare un solo tipo di prolungamento. Essi derivano da un neurone oppositopolare in cui si è verificato un accrescimento eccentrico del pirenoforo con conseguente confluenza del prolungamento assonico e dendritico, i quali continuano a mantenere la propria individualità (da qui il termine pseudounipolare), e la caratteristica forma a "T". Esempi di neuroni pseudounipolari sono i neuroni gangliari.
-Neuroni multipolari: è il tipo di neurone più comune che si trova nel SNC, in questo tipo di neuroni la membrana cellulare del soma dà origine a un solo assone e contemporaneamente alle radici di multipli rami dendritici.
 
 
 
Riferimenti
N. Carlson, Fisiologia del comportamento, 2007. Piccin ISBN 978-88-299-1908-6
 


© 2019 Neuropsycholgy - Area Riservata
Facebook twitter linkedin